Anche la Falanghina del Sannio Fois di Fulvio Cautiero nel volume “I migliori 100 vini e vignaioli d’Italia”

Ho comprato in edicola (€ 12,90 + il prezzo del Corriere della Sera) “I migliori 100 vini e vignaioli d’Italia”, la guida di Luciano Ferraro e Luca Gardini. Oltre alla top 100 dei migliori assaggi di Luca Gardini (no, non ci sono vini da falanghina) e alle speciali classifiche dedicata a birre, olio e distillati, c’è anche una lista di vini “venduti ad un prezzo che non oltrepassa i 15 euro“, ispirata a “valori che restano saldi per i consumatori: il rapporto qualità-prezzo e l’autenticità“.

La vigna di falanghina davanti alla Masseria di Imma e Fulvio Cautiero a Frasso Telesino

Non sorprende affatto che tra queste ultime etichette ci sia anche la Falanghina del Sannio Fois 2016 di Fulvio Cautiero (già “vino quotidiano” per noi di Slow Wine nell’edizione 2018), apprezzato bianchista in quel di Frasso Telesino. Questa la descrizione: “vino vivace e iodato, dall’olfatto vegetale e con un bel frutto distinto e accattivante. Alla beva è secco, intenso, minerale, persistente, un vero portento in fase di abbinamento“.

È l’unico vino da uve falanghina in purezza, c’è poi il Furore Bianco 2018 di Marisa Cuomo, che prevede un saldo del 40% di uve biancolella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *