Biancuzita, la Falanghina del Sannio di Torre a Oriente

Falanghina del Sannio Biancuzita, Torre a Oriente

Biancuzita è un sinonimo di falanghina attribuito all’ampelografo tedesco Hermann Goethe (1876), ma anche un’interpretazione del vitigno che vuole sfidare il tempo.

Il 2020 s’è purtroppo portato via zi’ Mario Iannella, u’ Barone, testa, cuore e mani nella terra.

Proprio mentre a Torre a Oriente prendeva forma un’idea di accoglienza a tutto tondo, che consente ora agli ospiti di gustare in loco tutto il bello e il buono che questa azienda — sodalizio di vita e di lavoro di Patrizia Iannella e Giorgio Gentilcore — produce tra Torrecuso e Molinara. All’ombra del Taburno, Patrizia si occupa delle vigne di aglianico e falanghina; nel Fortore, invece, il marito Giorgio si dedica agli olivi e alla coltivazione di legumi.

Un bel pranzo domenicale a Locanda Radici a Melizzano è stata l’occasione giusta per ristappare, dopo qualche tempo, la Falanghina del Sannio Biancuzita 2016. Merito di Giuseppe D’Amico, il sommelier di casa, che mi ha guidato negli assaggi.

Cosa dire!? Un calice che va verso il dorato, in perfetto stato di forma, con profumi di buona finezza: frutta, fiori ed erbette, un che di balsamico. E poi un sorso ben ritmato, che si sviluppa in verticale, complice l’annata (che, per la cronaca, sta regalando discrete soddisfazioni sul tempo).

Non male, insomma, per quella che è “una vendemmia ritardata” di falanghina vinificata esclusivamente in acciaio.

Sono tornato a casa con l’idea di “mettere al riparo” quell’ultima bottiglia che ricordavo di avere, tanto — ho pensato — qualche altro annetto potrà farselo tranquillamente. Niente, mi sbagliavo: si trattava della 2015 (ecco svelato il perché della foto).

****

Torre a Oriente
Contrada Mercuri, 19
82030 Torrecuso (BN)
T +39 0824 874274
M info@torreaoriente.eu

La Falanghina di Terre Caudium

Falanghina, Terre Caudium

Vi racconto l’estemporanea verticale di Falanghina durante la mia visita a Terre Caudium.

La famiglia Caporaso ha iniziato a imbottigliare soltanto nel 2007, ma a Terre Caudium si producono uve e vino da ben quattro generazioni. È Carmine a occuparsi delle vigne e della cantina: lo affiancano il figlio ventenne Ruben, diplomato all’Istituto Agrario, e le figlie Sara e Annalisa, insieme al marito di quest’ultima Fabio Caccavale. Se non s’è capito, insomma, la quinta generazione è già all’opera!

Gli ettari vitati sono circa due e mezzo: nei pressi della cantina, a Cautano, ci sono due “tendoni” di aglianico e coda di volpe; nella vicina Vitulano, c’è invece un appezzamento di un ettaro e mezzo (per metà aglianico, per il resto falanghina e coda di volpe). La produzione è di circa 7000 bottiglie all’anno; le altre uve prodotte, quando non vinificate per la produzione di sfuso, sono vendute a privati.

Sebbene la produzione di falanghina non sia il core business dell’azienda, mi fa piacere lasciare traccia della mini verticale fatta in cantina. Curiosità: la denominazione è Campania Igt, dalla vendemmia 2020 sarà Beneventano Igt.

Le ultime annate

Partirei appunto dalla promettente Falanghina 2020 assaggiata da vasca, che andrà in bottiglia ad aprile prossimo. Dopotutto, se è vero che l’ultima vendemmia sarà con ogni probabilità la migliore degli ultimi anni per l’aglianico, non va taciuto che pure i bianchi si sono difesi bene, specie in un areale come quello del Taburno, dove il clima è pedemontano e si registrano forti escursioni termiche tra il giorno e la notte.

Quanto invece alle due etichette attualmente commercializzate, la Falanghina 2019 (1000 bottiglie – € 6 franco cantina) ha sorso più largo e denso, comunque fresco e citrino, mentre la Falanghina 2018 pare al contrario più algida e verticale, magari manca appena po’ di polpa (oltre che un grado e mezzo di alcol rispetto all’altra, che misura 13,5%).

Le sensazioni sono complessivamente positive, al netto di qualche “dolcezza” di troppo e (forse) di un’eccessiva marcatura della solforosa. Ai punti, però, direi più Falanghina 2019 che 2018.

Terre Caudium
Contrada Sala, 25
82030 Cautano (BN)
T +39 0824 873007

Falanghina in Slow Wine 2021

Sono 31 (+1 rispetto alla scorsa edizione) i Top Wines della Campania in Slow Wine 2021: dei 20 bianchi, ben 9 sono a base falanghina (+5 rispetto a Slow Wine 2020).

Due sono le etichette che arrivano dai Campi Flegrei (il Tenuta Jossa* 2018 di Cantine Astroni e la Falanghina 2018 di Cantine del Mare, rispettivamente Vino Slow e Vino Quotidiano), ma è il Sannio a fare la parte del leone.

Per la prima volta in undici edizioni della guida, due Falanghina sannite ottengono il riconoscimento più ambito, quello di Vino Slow**: si tratta della Falanghina del Sannio Sant’Agata dei Goti Vigna Segreta 2018 di Mustilli e del Campo di Mandrie 2018 di Giovanni Iannucci (uno dei nomi nuovi della scorsa edizione della guida).

Una cosa tutt’altro che di poco conto, specie se si considera il prezzo, non così elevato rispetto alla soglia limite per il riconoscimento di Vino Quotidiano***, che quest’anno viene assegnato ai 2019 di Terra di Briganti, Fattoria Ciabrelli, Cautiero e Capolino Perlingieri, oltre che alla Falanghina del Sannio Spumante Extra Dry di Corte Normanna.

Altre etichette, tra Napoli e Benevento, meritano quantomeno una segnalazione: per esempio il Sabbia Vulcanica 2019 di Agnanum o la Falanghina dei Campi Flegrei 2019 de La Sibilla, le Falanghina del Sannio Cese 2018 di Fosso degli Angeli e Kissos 2016 di Cantine Tora.

E altre ancora potrete scoprirle in Slow Wine 2021, in vendita a partire dal14 ottobre prossimo.

* che tra l’altro prevede un saldo di fiano.

** assegnato ai vini che «oltre ad avere una qualità organolettica eccellente, riescono a condensare nel bicchiere caratteri legati a territorio, storia e ambiente».

*** fino a 12 euro.