Bere Falanghina del Sannio, un ottimo punto di partenza per scoprire vini bianchi

Una Falanghina del Sannio la Taburno 2018 di Fattoria La Rivolta, per esempio per avvicinarsi ai vini bianchi.

Secondo il giornalista Bill Zacharkiw, bere una bottiglia di Falanghina del Sannio potrebbe essere un ottimo punto di partenza per approcciarsi ai vini bianchi.

Tracciato brevemente il profilo gusto-olfattivo della Falanghina del Sannio – «sentori di frutta secca e tropicale. C’è anche un’evidente, seppur sottile, nota di salvia fresca» – il giornalista canadese si sofferma sulle due caratteristiche maggiormente apprezzate dal pubblico di un ciclo di degustazioni che ha condotto nelle ultime settimane. Il primo è che questi vini «hanno mostrato un intenso sapore fruttato, senza mai essere dolci, e ottima texture». Il secondo è che non sono pesanti né eccessivamente ricchi, soprattutto non restituiscono quel finale così acidulo «che è una delle principali lamentele che ricevo su molti vini bianchi da parte di persone che sono abituate a bere soltanto Sauvignon Blanc».

Falanghina del Sannio Taburno 2018, Fattoria La Rivolta

Tra le etichette di Falanghina del Sannio suggerite da Bill Zacharkiw, c’è anche la Falanghina del Sannio Taburno di Fattoria La Rivolta, che ho recentemente assaggiato e apprezzato nell’interpretazione del millesimo 2018. Non una novità, certo, visto che l’azienda torrecusana fondata da Paolo Cotroneo è tra quelle più note e apprezzate del panorama viticolo sannita.

«How cool is that»?

Trend positivo per gli spumanti, che occasione per la falanghina!

Il 2019 è stato un anno assai positivo per gli spumanti italiani (+8,5% in volume e + 3,9% in valore rispetto al 2018) e il trend positivo non sembra destinato a fermarsi. Potrebbero di sicuro beneficiarne anche le nostre bollicine di falanghina, a patto di continuare a puntare (o iniziare, in certi altri casi) sulla qualità, senza compromessi.

Il dato interessante è quello sui cosiddetti “consumi prossimali” degli spumanti da uve autoctone come la falanghina. Secondo l’Osservatorio Centro Studi Economici Vini Speciali (Ceves), infatti, «il consumatore chiede sempre un vino della produzione locale, che conosce». Le bollicine ottenute dalle varietà autoctone, poi, «valorizzano ospitalità e accoglienza» e rappresentano «sempre più attrazione, buongusto e bellezza per i turisti», stranieri e non.

Ecco perché auspicherei da parte degli operatori commerciali della provincia maggiore convinzione nel sostenere il consumo delle nostre bollicine, e più in generale dei nostri vini di falanghina (quelli buoni per davvero, eh), specie quando l’alternativa è proporre anonimi “prosecchini” (attenzione a non cadere nel tranello, però: di Prosecco validi ce ne sono eccome, basta saper cercare) o altri spumanti così insulsi da far quasi passare la sete.

Una Falanghina (del Sannio) nella Top 100 Wines

La notizia è di qualche giorno fa: la Falanghina del Sannio “Vigna Segreta” 2017 di Mustilli è al 45° posto nella Top 100 Wines di Wine Enthusiast. Buone nuove, insomma, dall’America, a pochi giorni di distanza dalle considerazioni di Ian D’Agata, che aveva esternato qualche perplessità sull’indiscriminato uso di lieviti selezionati e sui conseguenti effetti omologanti in alcuni vini da uve falanghina.

La lusinghiera recensione* firmata da Kerin O’Keefe non è soltanto un premio al lavoro di Anna Chiara e Paola Mustilli, che stanno proseguendo nell’opera iniziata dal compianto papà Leonardo, l’ingegnere della falanghina** scomparso poco più di due anni fa. Si tratta, piuttosto, di un importante riconoscimento per l’intera denominazione, al cui interno non mancano interpretazioni più ambiziose, come è appunto il caso della selezione di Falanghina che è piaciuta a Wine Enthusiast.

Falanghina del Sannio "Vigna Segreta" Mustilli

La Vigna Segreta dei Mustilli, per la cronaca, è quella del vigneto Pozzillo, che sta in cima alla collinetta del podere di famiglia in località Santa Croce, appena fuori il paese, dove Anna Chiara – che è enologa – lavora anche l’orto. Accantonato già da qualche anno l’uso dei legni, la vinificazione prevede oggi un lungo periodo di affinamento sur lie in acciaio e alcuni mesi di bottiglia prima della commercializzazione, che avviene dopo almeno un anno dalla vendemmia.

Anche se la produzione è ormai decentrata nello stabilimento alle porte di Sant’Agata dei Goti, la visita alle vecchie cantine tufacee sotterranee, nel cuore del bellissimo centro storico, è imperdibile e vale decisamente il viaggio, nemmeno poi così proibitivo da Napoli, distante appena una cinquantina di chilometri.

* Enticing scents of green apple, peach blossom and crushed stone mingle together on this elegant white. It’s vibrant and loaded with finesse, offering Anjou pear, Meyer lemon and minerality alongside bright acidity. The crisp, dry finish closes on a ginger note.

** Leonardo Mustilli è stato il primo a credere nella falanghina. Nel 1976 il Comitato Provinciale vitivinicolo sannita, istituto su impulso della Camera di Commercio sannita, iniziò un’importante opera di valutazione delle attitudini alla produzione di alcuni vitigni storici sanniti, tra cui appunto la falanghina, varietà relegata soltanto ad alcune vigne e ormai praticamente in disuso. Pochi anni dopo, era il 1979, l’ingegnere Mustilli imbottigliò la prima Falanghina in purezza.