Kissòs, la Falanghina del Sannio di Cantine Tora

Falanghina del Sannio Kissòs, Cantine Tora

Kissòs è un’idea ambiziosa di Falanghina del Sannio, la firma è di Cantine Tora.

Il 2020 è stato davvero un anno complicatissimo per tutti, ma i fratelli Francesco e Giampiero Rillo non hanno mollato di un centimetro: il restyling del logo, la linea “autoctoni” (che oggi può contare anche su un bianco da uve coda di volpe davvero centrato), infine l’e-commerce. Non c’è che dire: bravi, bravi!

La falanghina resta, ovviamente, protagonista a Cantine Tora. E prova ne è il fatto che sono molteplici le interpretazioni proposte, tra cui ricordo il passito 2014 (che a pensarci bene non ho più incrociato, sapete?). La Falanghina del Sannio Kissòs è un po’ il simbolo dell’affezione dei due fratelli nei confronti della varietà regina del Sannio. L’edera – Kissòs in greco – era uno dei simboli di Dioniso, di qui l’idea del nome per una sfida che va avanti dal 2007, una selezione che viene di fatto prodotta soltanto nelle annate favorevoli.

Cambiano i vigneti di falanghina, che sono quelli più prossimi alla cantina di contrada Tora, alle porte di Torrecuso, risalenti alla fine degli anni Novanta e allevati a guyot. Cambia qualcosa anche in vinificazione, con una criomacerazione di 12/18 ore e fermentazione a bassa temperatura, poi un periodo di affinamento sui lieviti prima della lunga permanenza in vetro (2 anni). Cambia, soprattutto, l’epoca di raccolta delle uve: «il 4 ottobre, giorno del mio onomastico, mi hanno sempre fatto alzare cassette», scherza Francesco, vale a dire che la raccolta delle uve è generalmente posticipata di 7/10 giorni rispetto a quella dei grappoli per gli altri vini di falanghina.

La verticale

L’estemporanea verticale organizzata durante la mia ultima visita in azienda è stata una fantastica occasione per viaggiare all’indietro nel tempo e capire da dove hanno iniziato e dove stanno andando adesso Francesco e Giampiero. C’è un fattore determinante nell’evoluzione di un vino come il Kissòs, di cui peraltro si parla sempre troppo poco, e quello è il tappo. Basta guardare il colore dei calici per rilevare come il sughero abbia inciso eccome – in negativo, purtroppo – nelle prime due bottiglie: Kissòs 2008 (ve ne avevo già parlato qualche tempo fa) e 2011 presentano infatti simili profili ossidativi, forse pure maggiori in quest’ultima bottiglia.

Tappo sintetico, invece, per le annate più recenti, entrambe con una marcia in più. E se la 2015 è già un bel bere ora, con un sorso pieno comunque ben supportato da viva freschezza e sapidità, la 2016 – che ha un incipit quasi orientaleggiante – pare addirittura avere maggiori prospettive di evoluzione, grazie a sale e acidità davvero notevoli. Un vino che terrò d’occhio con molta curiosità nei prossimi anni.

Cantine Tora
Località Tora II, 18
82030 Torrecuso (BN)
T +39 0824 872406
C +39 328 0274149
M info@cantinetora.it

Biancuzita, la Falanghina del Sannio di Torre a Oriente

Falanghina del Sannio Biancuzita, Torre a Oriente

Biancuzita è un sinonimo di falanghina attribuito all’ampelografo tedesco Hermann Goethe (1876), ma anche un’interpretazione del vitigno che vuole sfidare il tempo.

Il 2020 s’è purtroppo portato via zi’ Mario Iannella, u’ Barone, testa, cuore e mani nella terra.

Proprio mentre a Torre a Oriente prendeva forma un’idea di accoglienza a tutto tondo, che consente ora agli ospiti di gustare in loco tutto il bello e il buono che questa azienda — sodalizio di vita e di lavoro di Patrizia Iannella e Giorgio Gentilcore — produce tra Torrecuso e Molinara. All’ombra del Taburno, Patrizia si occupa delle vigne di aglianico e falanghina; nel Fortore, invece, il marito Giorgio si dedica agli olivi e alla coltivazione di legumi.

Un bel pranzo domenicale a Locanda Radici a Melizzano è stata l’occasione giusta per ristappare, dopo qualche tempo, la Falanghina del Sannio Biancuzita 2016. Merito di Giuseppe D’Amico, il sommelier di casa, che mi ha guidato negli assaggi.

Cosa dire!? Un calice che va verso il dorato, in perfetto stato di forma, con profumi di buona finezza: frutta, fiori ed erbette, un che di balsamico. E poi un sorso ben ritmato, che si sviluppa in verticale, complice l’annata (che, per la cronaca, sta regalando discrete soddisfazioni sul tempo).

Non male, insomma, per quella che è “una vendemmia ritardata” di falanghina vinificata esclusivamente in acciaio.

Sono tornato a casa con l’idea di “mettere al riparo” quell’ultima bottiglia che ricordavo di avere, tanto — ho pensato — qualche altro annetto potrà farselo tranquillamente. Niente, mi sbagliavo: si trattava della 2015 (ecco svelato il perché della foto).

****

Torre a Oriente
Contrada Mercuri, 19
82030 Torrecuso (BN)
T +39 0824 874274
M info@torreaoriente.eu

Bere Falanghina del Sannio, un ottimo punto di partenza per scoprire vini bianchi

Una Falanghina del Sannio la Taburno 2018 di Fattoria La Rivolta, per esempio per avvicinarsi ai vini bianchi.

Secondo il giornalista Bill Zacharkiw, bere una bottiglia di Falanghina del Sannio potrebbe essere un ottimo punto di partenza per approcciarsi ai vini bianchi.

Tracciato brevemente il profilo gusto-olfattivo della Falanghina del Sannio – «sentori di frutta secca e tropicale. C’è anche un’evidente, seppur sottile, nota di salvia fresca» – il giornalista canadese si sofferma sulle due caratteristiche maggiormente apprezzate dal pubblico di un ciclo di degustazioni che ha condotto nelle ultime settimane. Il primo è che questi vini «hanno mostrato un intenso sapore fruttato, senza mai essere dolci, e ottima texture». Il secondo è che non sono pesanti né eccessivamente ricchi, soprattutto non restituiscono quel finale così acidulo «che è una delle principali lamentele che ricevo su molti vini bianchi da parte di persone che sono abituate a bere soltanto Sauvignon Blanc».

Falanghina del Sannio Taburno 2018, Fattoria La Rivolta

Tra le etichette di Falanghina del Sannio suggerite da Bill Zacharkiw, c’è anche la Falanghina del Sannio Taburno di Fattoria La Rivolta, che ho recentemente assaggiato e apprezzato nell’interpretazione del millesimo 2018. Non una novità, certo, visto che l’azienda torrecusana fondata da Paolo Cotroneo è tra quelle più note e apprezzate del panorama viticolo sannita.

«How cool is that»?