Falanghina, alcune considerazioni di Ian D’Agata

«The best Campania whites are terroir-driven and full of varietal character», così afferma Ian D’Agata su Vinous.com, compresi quelli ottenuti da varietà come la falanghina, che negli ultimi anni stanno svelando tutto il loro potenziale*.

Il problema semmai, almeno per quanto riguarda i vini da uve falanghina (ovviamente non tutti), è – traduco letteralmente – «l’uso quasi ubiquitario di lieviti industriali» che trasformano alcuni di essi in «dolci bombe alla frutta di banana matura e ananas» che potrebbero magari essere anche buone da sorseggiare (si fa per dire), «ma non sono ideali con il cibo».

Bingo.

* Ian D’Agata lo aveva già detto a chiare lettere un anno fa: il suo articolo, sempre su Vinous.com, aveva il titolo emblematico Campania: more Than Just Fiano, Greco and Aglianico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.